Dal 25 al 29 ottobre Settimana per la Sicurezza sul Lavoro a Palermo. Marano: “Iniziativa rivolta alle scuole sul valore della consapevolezza del rischio”

Dal 25 al 29 ottobre Settimana per la Sicurezza sul Lavoro a Palermo. Marano: “Iniziativa rivolta alle scuole sul valore della consapevolezza del rischio”

“Abbiamo voluto condividere con il Comitato Consultivo Provinciale INAIL questa iniziativa indirizzata alle scuole, alla loro funzione educativa sul valore della prevenzione e della sicurezza sul lavoro. Abbiamo scelto il tema della “consapevolezza” perché sul fronte della tutela della salute e della prevenzione del rischio è decisiva una corretta percezione dei rischi, come equivalente alla consapevolezza del pericolo che è proprio di ogni attività lavorativa, ognuno secondo le sue caratteristiche specifiche, il rischio ci indica la probabilità del danno”.

E’ quanto ha dichiarato Giovanna Marano, assessora alla Scuola e al Lavoro del Comune di Palermo, durante la conferenza stampa di presentazione de “La Settimana per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro a Palermo: educare alla consapevolezza del rischio”, che si è svolta questa mattina nella Sala degli Specchi di Villa Niscemi e alla quale hanno partecipato il sindaco Leoluca Orlando, il Prefetto Giuseppe Forlani, il Presidente del Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo, Gaspare Caldarella e, in collegamento da remoto, il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Fabrizio Micari.

Nell’illustrare i cinque giorni di eventi e di approfondimenti, che  si svolgono dal 25 al 29 ottobre a Palermo, l’assessora Marano ha aggiunto: “I nostri comportamenti in relazione al rischio percepito sono soggettivi, ciascuno tenta di interpretarlo in modo differente, in base all’età, alla conoscenza, alla professione continua o saltuaria, alle mansioni, per cui la familiarità quotidiana con il rischio porta spesso  sottovalutarlo, così come la rappresentazione mediatica del rischio può interagire con le emozioni della lavoratrice o del lavoratore rispetto al pericolo.

Sicché la percezione appropriata del rischio è connessa certamente alla riduzione degli infortuni. Come ci dicono le statistiche più dell’80% degli infortuni è dovuto ad un’errata percezione del rischio che segnala come sia imprescindibile tenere conto del fattore umano, in maniera più accurata nella sua valutazione.Per incidere su questo fronte, non basta che nella stesura dei DVR si tenga conto delle visioni individuali di lavoratrici o lavoratori, ma occorre incidere per sollecitare  un approccio efficace e pedagogico, mirato con la prevenzione del rischio sia in senso valoriale che in quello più tecnico.
La settimana europea quest’anno ha scelto il tema dei disturbi muscolo-scheletrici, noi abbiamo scelto di ragionare sulla prevenzione declinata su settori tradizionali e non, con sessioni specifiche di cui sono fruitrici le scuole”.
Qui la locandina con il programma dell’iniziativa