Progetto ‘Lavori in corso’ per un polo educativo territoriale nei quartieri Noce e Zisa

Progetto ‘Lavori in corso’ per un polo educativo territoriale nei quartieri Noce e Zisa

Si chiama ‘Lavori in Corso – Adottiamo la città’ il progetto avviato ad aprile del 2020 che durerà quaranta mesi (fino al luglio 2023) finanziato da Impresa Sociale Con i Bambini destinato a bambine, bambini e adolescenti dai 9 ai 14 anni con l’obiettivo di contrastare il fenomeno della povertà educativa, il disagio sociale e l’isolamento in territori e realtà sociali complesse, che si caratterizzano per l’assenza di opportunità e di spazi educativi e sociali pubblici destinati ai ragazzi.

L’ente capofila è Legambiente nazionale mentre tra i partner ci sono: i gruppi locali attivi su ciascun territorio, EuroUSC Italia srl, Università la Sapienza di Roma, Comitato regionale ANPAS Lazio (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, DISAMIS srl.

Il Comune di Palermo, con i quartieri Noce e Zisa, è inserito tra i territori di intervento insieme alle città di Pisa (quartiere di Putignano), Sant’Arpino (CE), Tolentino (MC) e Roma (quartiere di Montespaccato). In città il progetto coinvolge l’Istituto Valdese – Centro diaconale La Noce, il Circolo Legambiente “Francesco Lo Jacono”, l’associazione “leAli-ANPAS”.

In ognuna delle cinque realtà territoriali verrà costituito un Polo Educativo Territoriale (P.E.T.), dove avranno luogo corsi, laboratori e attività realizzate in collaborazione con i soggetti partner e destinate ai ragazzi, alle loro famiglie e a tutti gli altri attori sociali che gravitano nelle aree coinvolte. A Palermo il P.E.T. avrà sede presso i Cantieri culturali alla Zisa.

I minori e le loro famiglie, con il supporto di tutta la comunità educante, saranno i diretti protagonisti dei processi di rigenerazione urbana, ambientale sociale e culturale e saranno proprio loro ad individuare, a partire dai propri bisogni, gli spazi che saranno oggetto di questi processi, i limiti del quartiere in cui vivono, le criticità da affrontare, gli spazi da riqualificare per ritrovare contesti comunitari in cui ritessere e rafforzare legami e relazioni sociali in un percorso di rigenerazione dei luoghi e la creazione di una mappa di comunità. La scuola, principale agenzia educativa del territorio, avrà il ruolo di elemento di coesione per l’intera comunità coinvolta nel progetto.