Contro la dispersione scolastica

Contro la dispersione scolastica

Quella dell’evasione scolastica è senza dubbio una delle maggiori criticità del sistema educativo nazionale.

L’amministrazione è da sempre in prima linea per combattere questa piaga che affligge tantissimi bambini e lo fa erogando una serie di servizi volti all’integrazione scolastica.

A Palermo, l’Unità Organizzativa Dispersione scolastica del Settore Educazione, Istruzione e Formazione svolge, da oltre un ventennio, attività rivolte a garantire l’assolvimento dell’obbligo scolastico da parte dei minori, sulla base di un Protocollo d’Intesa stipulato tra il Comune e l’Ufficio Scolastico Regionale.

L’ufficio riceve e gestisce, ogni anno, oltre un migliaio di segnalazioni di minori dalle istituzioni di scuola primaria e secondaria di I e II grado, per frequenza irregolare, abbandono o evasione.

Esso si occupa, in prima battuta, di predisporre ed effettuare visite domiciliari presso le famiglie dei minori segnalati, al fine di verificare i motivi legati al mancato esercizio del diritto allo studio. Gli interventi domiciliari vengono effettuati da 9 unità lavorative, distaccate in sedi decentrate al fine di agevolare il lavoro sul territorio.

A seconda delle esigenze riscontrate in occasione dei colloqui con i genitori dei minori, si attiva, attraverso la collaborazione con le famiglie, le scuole e altre agenzie presenti sul territorio, un percorso finalizzato a garantire il rientro a scuola del minore attraverso azioni di monitoraggio, tutoraggio e, ove possibile, supporto scolastico.

L’Unità Organizzativa, a conclusione di ogni anno scolastico, elabora un report (scaricabile dal link in basso) contenente i dati raccolti rispetto alle segnalazioni ricevute e agli esiti di queste ultime.